Skip to main content

Nel 1535, durante il suo viaggio di ritorno da Tunisi, l’imperatore Carlo V fece una sosta a Trapani e decise di potenziare le difese della città. Ordinò il prolungamento delle mura fino alla punta occidentale e il potenziamento di quelle già esistenti con nuovi bastioni e baluardi. Così nacque il forte che ancora oggi si erge nella prima metà del sedicesimo secolo. Ma la storia di questo bastione ha un tocco di sfida: la sua costruzione nell’angolo sud-est è stata ostacolata da un terreno paludoso, tanto che il bastione è soprannominato “dell’Impossibile“. Alcuni suggeriscono che la sua imponenza possa aver dissuaso i nemici dall’avventurarsi verso la città, rendendo arduo il loro attacco.