Skip to main content

San Vito Lo Capo

Cosa vedere a San Vito Lo Capo?

San Vito Lo Capo è un luogo incantevole situato sulla costa nord-occidentale della Sicilia. Qui potrai trovare spiagge meravigliose e acque cristalline, ma ci sono anche tante altre cose da scoprire!

San Vito Lo Capo è circondata da un paesaggio mozzafiato, con montagne imponenti che si ergono sullo sfondo e la Riserva Naturale dello Zingaro a pochi passi di distanza. La Riserva Naturale è un’area protetta di grande bellezza, con falesie a picco sul mare, spiagge isolate e una flora e fauna uniche.

Ma non è solo la natura ad attirare i visitatori qui. San Vito Lo Capo è anche famosa per la sua cultura e tradizione culinaria. Questa è la patria del couscous, un piatto che riflette l’influenza della cultura araba sulla cucina siciliana. Ogni anno, a settembre, si tiene il Cous Cous Fest, un festival che celebra questo piatto e la sua storia.

Se ti piacciono le attività all’aria aperta, San Vito Lo Capo è il posto perfetto per te. Qui potrai praticare surf, windsurf, vela, immersioni subacquee e molto altro ancora. Ma se preferisci rilassarti al sole, non preoccuparti: ci sono molti posti sulla spiaggia dove potrai distenderti e goderti il mare cristallino.

Il consiglio tattico:

Indispensabili per San Vito Lo Capo:

  • costume da bagno
  • attrezzatura da snorkeling
  • ombrellone da spiaggia

Inutile dire che visitare San Vito Lo Capo significa mare, mare, mare!

Troverai tantissimi lidi attrezzati, ristoranti e gelaterie. Porta con te tutto quello di cui senti di aver bisogno per la tua giornata ideale in spiaggia! Lo sarà.

Come arrivare a San Vito Lo Capo da Trapani

Per arrivare a San Vito lo Capo da Trapani potete affidarvi alla compagnia extra urbana dei bus AST, i cui bus partono sia dall’autostazione che si trova in Piazza Ciaccio Montalto, quindi alle spalle della stazione dei treni, sia del porto, in via Ammiraglio Staiti. Vai agli orari bus per SAN VITO LO CAPO.

Come arrivare a San Vito Lo Capo da Trapani

Per arrivare a San Vito lo Capo da Trapani potete affidarvi alla compagnia extra urbana dei bus AST, i cui bus partono sia dall’autostazione che si trova in Piazza Ciaccio Montalto, quindi alle spalle della stazione dei treni, sia del porto, in via Ammiraglio Staiti. Vai agli orari bus per SAN VITO LO CAPO.

Un po’ di storia?

Cenni Storici

Il giovane Vito, divenuto patrono di questa città marinara, si festeggia ogni anno dal 13 al 15 giugno mediante la rievocazione dello sbarco del Santo e della processione della statua che percorre tutte le vie del paese, per poi rientrare nel Santuario ad esso dedicato. Il Santuario, in origine fortezza, è stato costruito nel 1400, su una precedente chiesetta paleocristiana, a scopo difensivo per proteggere i pellegrini dalle incursioni barbariche. La chiesa presenta un’unica navata ed è stata più volte rimaneggiata nel corso dei secoli, cercando di non alterare la facciata esterna della chiesa. Nel 1600 si procedette alla decorazione interna, in stile barocco, ed alla collocazione di opere quali la statua di San Vito di Giacomo Gaggini con alla base episodi raffiguranti la vita del Santo, l’Addolorata Santa Crescenzia, San Modesto e varie opere di manifattura locale.

Notevole importanza rivestono le sale adiacenti la chiesa che ospitano il Museo dove vengono conservati argenti sacri, parati storici e un’intera sezione dedicata al culto di San Vito, con ex voto in argento, immagini e statuette provenienti dalla Sicilia e dall’ Italia.

Dal 1952 il paese è divenuto comune, con le due frazioni di Macari e Castelluzzo, ed è di sicuro uno degli angoli più suggestivi della Sicilia, di notevole interesse naturalistico e paesaggistico, grazie al mare cristallino, alla spiaggia di sabbia fine e bianchissima, alle grotte preistoriche presenti lungo il litorale e alle numerose torri di avvistamento saracene.

Edificate a partire dalla fine del 1500 le torri chiamate Impiso, Isulidda, Sceri, Roccazzo e Torrazzo o Torre Vecchia , diversa dalle altre per la sua forma cilindrica, costeggiano tutta la costa che va da Macari alla Riserva Naturale dello Zingaro, intervallate da grotte paleolitiche. In queste grotte sono state rinvenute incisioni datate appunto nel paleolitico superiore raffiguranti cervi, selci e pitture rupestri di figure umane.

Altri simboli di San Vito Lo Capo sono: il Faro, costruito nel 1854, ed inaugurato il 1 agosto 1859, alto 43 metri con un raggio di luce che arriva fino a oltre venti miglia marine; la Tonnara del Secco, una delle più grandi tonnare siciliane attiva dal 1412 fino alla fine del 1930, dove è possibile ancora oggi ammirare gli antichissimi impianti utilizzati per la lavorazione del pesce, risalenti addirittura al IV secolo; qui venivano lavorati soprattutto sgombri e tonno, di cui era ricco il golfo.

San Vito Lo capo è famosa a livello internazionale per il Cous-Cous Fest, una manifestazione che si svolge annualmente nel mese di settembre e che ha come protagonista il cous-cous, divenuto simbolo della pace e del dialogo fra le diverse popolazioni del Mediterraneo.

La spiaggia di San Vito Lo Capo:

La spiaggia di San Vito:

Spiaggia lunga 3km

Lunga 3 km

La spiaggia di San Vito Lo Capo è una delle principali attrazioni di questa località balneare situata sulla costa nord-occidentale della Sicilia. Conosciuta come la “spiaggia dei sogni”, è una lunga distesa di sabbia bianca che si estende per circa 3 km, con acque cristalline e un paesaggio mozzafiato sullo sfondo.

Bandiera Blu

La spiaggia di San Vito Lo Capo è stata insignita della Bandiera Blu per la pulizia delle acque e della sabbia, ed è stata anche nominata una delle migliori spiagge d’Italia dal sito web di viaggi TripAdvisor. In estate, la spiaggia può essere affollata, ma non perdere l’occasione di ammirare il tramonto sull’orizzonte del mare cristallino, che renderà la tua visita ancora più speciale.

Meta ideale per Sport o Relax

San Vito Lo Capo è una meta ideale per chi cerca una vacanza al mare rilassante, ma offre anche una vasta gamma di attività per i più avventurosi. Puoi noleggiare un kayak o una tavola da surf, oppure partecipare a una delle escursioni in barca organizzate per esplorare le acque circostanti.

Un bel giro dei principali monumenti e tesori storici?
Impossibile rinunciare. Ecco cosa non perdere:

SANTUARIO DI SAN VITO MARTIRE

La chiesa principale della città, costruita nel XVIII secolo, è dedicata a San Vito, il patrono della città. Il santuario presenta un’architettura interessante e affreschi significativi.

CHIESA MADRE

Questa chiesa, costruita nel XVIII secolo, è un altro importante luogo di culto nella città. Presenta un’architettura barocca e ospita diverse opere d’arte religiosa.

TORRE DELL'USCIERE

Questa torre costiera risale al XVII secolo ed è parte del sistema di torri di avvistamento costiero costruite per difendersi dalle incursioni dei pirati.

CAPPELLA DI SANTA CRESCENZIA

Questa cappella è situata vicino alla spiaggia ed è dedicata a Santa Crescenzia, patrona dei pescatori. La sua costruzione risale al XVII secolo.

TONNARA DEL SECCO

Un antico stabilimento di pesca del tonno che risale al XVII secolo. Oggi è un museo che documenta la storia della pesca del tonno nella regione.

Un bel giro dei principali monumenti e tesori storici?
Impossibile rinunciare. Ecco cosa non perdere:

SANTUARIO DI SAN VITO MARTIRE

La chiesa principale della città, costruita nel XVIII secolo, è dedicata a San Vito, il patrono della città. Il santuario presenta un’architettura interessante e affreschi significativi.

CHIESA MADRE

Questa chiesa, costruita nel XVIII secolo, è un altro importante luogo di culto nella città. Presenta un’architettura barocca e ospita diverse opere d’arte religiosa.

TORRE DELL'USCIERE

Questa torre costiera risale al XVII secolo ed è parte del sistema di torri di avvistamento costiero costruite per difendersi dalle incursioni dei pirati.

CAPPELLA DI SANTA CRESCENZIA

Questa cappella è situata vicino alla spiaggia ed è dedicata a Santa Crescenzia, patrona dei pescatori. La sua costruzione risale al XVII secolo.

TONNARA DEL SECCO

Un antico stabilimento di pesca del tonno che risale al XVII secolo. Oggi è un museo che documenta la storia della pesca del tonno nella regione.

Curiosità, fun fact e leggende

La leggenda di San Vito

Secondo la leggenda il Santo, originario di Mazara del Vallo, si rifugiò qui, insieme alla sua nutrice Crescenzia che lo aveva convertito al cristianesimo, al tempo delle feroci persecuzioni di Diocleziano rivolte ai cristiani. La nave di Vito colpita da una tempesta, approdò nel golfo di questo piccolo borgo chiamato Egitarso e qui i due cercarono di convertire gli abitanti del luogo e di guarire coloro la cui salute era compromessa. Dopo svariati tentativi, furono minacciati e cacciati dagli abitanti; questi, per il peccato commesso, subirono l’ira divina e una frana seppellì l’intero villaggio e i suoi abitanti, fermandosi ai piedi di Crescenzia, che voltatasi ad osservare la distruzione divenne pietra. La leggenda vuole che in questo luogo oggi sorga una piccola cappella, edificata alla fine del XIV secolo, dedicata proprio a Crescenzia divenuta santa. In questo luogo, secondo la tradizione popolare, bisogna lasciare una pietra se si cerca la liberazione da un forte spavento.

Il Faro

Il Faro di San Vito Lo Capo, costruito nel 1859, è uno dei fari più antichi della Sicilia. La sua presenza aggiunge un tocco di fascino storico al paesaggio costiero.

Il legame con l'oriente

A causa della sua posizione strategica nel Mar Mediterraneo, San Vito Lo Capo ha storicamente avuto legami culturali e commerciali con l’Oriente. Questo è evidente nelle tradizioni culinarie, nelle influenze architettoniche e nelle festività locali.

Grotta dell'Uzzo

Nei pressi di San Vito Lo Capo si trova la Grotta dell’Uzzo, un sito archeologico importante risalente al periodo paleolitico. La grotta ha restituito numerosi reperti, tra cui resti umani e utensili di epoche antiche.

Le attività consigliate:

Tour in barca della Riserva dello Zingaro

Questo tour in barca da 4h (mattina o pomeriggio) parte da San Vito Lo Capo e ti porta allo scoperta della Riserva Naturale delle Zingaro, con tante soste per la balneazione e poca fatica. Se vuoi saperne di più clicca su “Tour in barca Riserva dello Zingaro“.

Le attività consigliate:

Tour in barca della Riserva dello Zingaro

Questo tour in barca da 4h (mattina o pomeriggio) parte da San Vito Lo Capo e ti porta allo scoperta della Riserva Naturale delle Zingaro, con tante soste per la balneazione e poca fatica. Se vuoi saperne di più clicca su “Tour in barca Riserva dello Zingaro“.