Skip to main content

Custonaci

Cosa vedere a Custonaci?

Custonaci, un pittoresco paese alle falde del Monte Cofano, si distingue per la sua lunga tradizione nella produzione di marmo. Questo affascinante borgo, affacciato sul Mar Tirreno con la sua frazione Cornino, è rinomato per la lavorazione del pregiato “Perlato di Sicilia”, un marmo di colore avorio chiaro che lo rende il secondo bacino marmifero in Italia.

Il consiglio tattico:

Da sapere:

  • Se visiti Custonaci durante la stagione estiva, approfitta delle spiagge di Cornino per un momento di relax e balneazione
  • Fame? Fai una sosta gustosa all’Antico Forno (Il Forno a Legna di Pellegrino), si tratta di un piccolo panificio dalle grandi sorprese. Troverai di tutto e non ti pentirai per niente di averlo provato.

Come arrivare a Custonaci da Trapani

Per arrivare a Custonaci da Trapani bisogna affidarsi alla compagnia extra urbana dei bus AST. Onestamente, però, questa zona è così bella da visitare in libertà ed autonomia che il nostro consiglio spassionato è quello di noleggiare un auto.

Come arrivare a Custonaci da Trapani

Per arrivare a Custonaci da Trapani bisogna affidarsi alla compagnia extra urbana dei bus AST. Onestamente, però, questa zona è così bella da visitare in libertà ed autonomia che il nostro consiglio spassionato è quello di noleggiare un auto.

Un po’ di storia?

Cenni Storici

Le radici di Custonaci affondano nel 1241, quando il territorio fino a Castellammare del Golfo fu suddiviso in feudi assegnati alle nobili famiglie ericine. Inizialmente denominata la “Riviera dei Marmi”, Custonaci comprendeva 36 appezzamenti di terra destinati all’agricoltura. Col tempo, furono costruiti i caratteristici “bagli”, dimore delle famiglie facoltose e centri direzionali, dando vita al centro storico attuale. Il Baglio Cofano, il più significativo, testimonia questa epoca storica.

Custonaci, originariamente parte del comune di Erice, dichiarò la sua indipendenza durante la Seconda Guerra Mondiale, basando la sua forza economica sull’estrazione di marmo. Il paese è noto per il suo contributo significativo al settore marmifero, con il “Perlato di Sicilia” come pietra pregiata e ricercata.

Le attrazioni di Custonaci:

Le attrazioni di Custonaci:

Grotta Mangiapane

La Grotta Mangiapane è una suggestiva cavità situata nelle vicinanze di Custonaci, parte di un complesso di 9 grotte noto come “Grotte Scurati”. Il nome deriva dalla famiglia Mangiapane, residente in questa grotta fin dal lontano 1819. Questa grotta ha rappresentato un vero e proprio il rifugio abitativo per individui di varie epoche storiche sin dal Paleolitico Superiore, come attestano numerosi reperti recuperati da studiosi e ricercatori.

Conosciuta anche come la Grotta degli Uffizi, fu abbandonata al termine della Seconda Guerra Mondiale per poi essere riportata in vita dalla comunità di Custonaci. Viene quindi trasformata in un luogo di attrazione culturale aperto ai visitatori ed è oggi un museo a cielo aperto. Ospita importanti eventi unici nel loro genere, come il tradizionale Presepe Vivente di Custonaci.

Dimmi di più

Santuario Maria Santissima

Il Santuario Maria Santissima di Custonaci, costruito nella seconda metà del XVI secolo su una cappella preesistente, ha subito vari restauri nel corso dei secoli. Il suo aspetto attuale, compresa la maestosa scalinata e la facciata gotica, è il risultato di un ampio restauro tra il 1870 e il 1900. L’interno presenta un altare barocco del 1627 con marmi policromi e statue lignee dei patroni di Erice. Il santuario ospita opere d’arte, tra cui dipinti di Domenico La Bruna e una tempera del 1541 di Antonello Crescenzio. La festa della Madonna di Custonaci, iniziata nel 1572, si svolge per quattro giorni ad agosto, con una processione suggestiva, canti tradizionali e giochi pirotecnici.

Spiaggia di Cornino-cosa vedere a Custonaci-TP istruzioni

Spiaggia di Cornino

Anche se non direttamente nel territorio di Custonaci ma nelle vicinanze, le spiagge di Cornino rappresentano un’attrazione irresistibile durante la stagione estiva. Le acque cristalline e le bellezze naturali della zona offrono momenti di relax e svago ai visitatori.

Monte Cofano

Monte Cofano, situato sulla costa nord-ovest della Sicilia, è una gemma naturale che non puoi permetterti di perdere durante la tua visita. Questo promontorio offre una combinazione unica di bellezze paesaggistiche, storia e avventure all’aria aperta

Le spiagge dorare, le scogliere spettacolari e i sentieri panoramici rendono Monte Cofano un luogo ideale per gli amanti della natura e gli appassionati di escursioni. Il panorama mozzafiato dalla cima offre una vista spettacolare sulla costa e sul mare, regalandoti una prospettiva unica su questa parte della Sicilia.

Dimmi di più

Curiosità, fun fact e leggende

La Corda Spezzata e il Custode Roccioso

Il Monte Cofano, custode di antiche storie, ispirò il detto “Tira cumpari chi Cofanu veni”. La leggenda narra che i trapanesi tentarono di rubarlo ai custonacesi, ma la corda si ruppe. Da allora, una sporgenza calcarea identificata come un custode roccioso veglia sul misterioso monte.

Il Lamento del Passo della Zita

Il Passo della Zita, affacciato sul mare, è il palcoscenico di un’altra affascinante leggenda. Si dice che una ragazza, in tempi antichi, cadde in acqua da questo strapiombo. Ancora oggi, la leggenda persiste, e si racconta che il lamento della ragazza sia udibile in certe circostanze, donando al luogo un’aura di mistero e romanticismo.

Madonna di Custonaci

La devozione alla Madonna di Custonaci è profondamente radicata. La leggenda narra il miracoloso sbarco di un dipinto della Madonna presso Cala Burguto, dando inizio a una festa annuale che coinvolge processioni, giochi pirotecnici e carri storico-allegorici.