Skip to main content

Costruito tra il 1924 ed il 1927 dall’architetto Francesco La Grassa, con il suo stile Liberty provinciale con possente facciata recante una serie di archi acuti incassati che contornano le aperture, il Palazzo delle poste si presenta ancora nel suo originale splendore. Il portone di accesso è preceduto da un porticato rettangolare delimitato agli angoli da pilastri monolitici in granito. All’interno i soffitti, come anche le vetrate degli sportelli postali, riprendono le decorazioni esterne con volute e ornamenti floreali arricchiti da sgargianti colori. Per questo edificio, a differenza di precedenti realizzazioni, il progettista non fa solamente ricorso agli etimi floreali mutuati dall’esperienza del suo maestro Ernesto Basile, ma elabora un apparato decorativo che rimanda, in ogni sua manifestazione, anche la più piccola, al mondo delle poste e delle telecomunicazioni