Skip to main content

Posizionato al centro del quartiere ebraico della Giudecca, nel XVI secolo fu acquistato dalla famiglia Ciambra che ne ha cambiato l’aspetto esterno decorandone la facciata con bugne a punta di diamante. Il palazzo si eleva su due piani ai quali si accede attraverso un portale ogivale affiancato da una possente torre laterale, ritenuta una delle cinque torri raffigurate nello stemma della città. Bene monumentale sin dal 1939, è uno dei più interessanti esempi di stile plataresco in Sicilia. Al suo interno è presente un bel giardino con pozzo sul quale si affacciano finestre abbellite con motivi gotico-rinascimentale.